Fabbri 1905 ITA Fabbri 1905 ENG Fabbri 1905 ENG

Tradizione italiana da cent'anni

open menu open search

Facebook  Twitter  Instagram  YouTube  Pinterest 

Il successo di Lady Amarena 2019: la sfida tutta al femminile per eleggere la “regina dello shaker”

Il successo di Lady Amarena 2019: la sfida tutta al femminile per eleggere la “regina dello shaker”

L’unico concorso internazionale dedicato alle donne della mixology si è concluso a Bologna presso il Teatro Comunale 

È stata eletta signora della mixology” la cinese Liu Ting Zheng, detta “Tammy Liu” che da sei anni è bartender del Mary Magnate cocktail bar di Shanghai.

Tammy Liu è stata selezionata come vincitrice da una giuria di esperte, che ha decretato il suo cocktail “Ciao Bella” il migliore della competizione.  Un cocktail dal nome tutto italiano, un inno al buon bere a base dell’iconico Fabbri Marendry, succo di pompelmo e lime.

Vanno citate anche le altre finaliste, esperte “signore dei cocktail” provenienti da tantissimi Paesi: Simoni Londou (Cipro) con il suo Her majesty, Bubbles (Nigeria) con Afro-Tails, Timea Tivrea (Romania) con Frutto di Fantasia, Inna Ocheretyna (Emirati Arabi Uniti) con Solo, Awon Yun (Corea del Sud) con Cherry over Cherry (Love over Love), Aurora Rodríguez Casas (Spagna) con Maren My!! e Anna Princena (Singapore) con Queen Amara. Mentre le barlady selezionate per il Resto del mondo erano le greche Penelope Agrimanake con Il Mondo e Magda Diamanti con Cherry Brulee e la tedesca Daniela Uhrig con Diamante dell’Etna e l’Italiana laura Firicaro con “La Lupa”.

Le talentuose barladies si sono sfidate sotto gli occhi di una giuria tutta al femminile, composta da esperte del settore ma anche giornaliste, tutte donne che hanno saputo distinguersi nelle loro professioni con le loro capacità.

Lady Amarena è l’unico concorso internazionale della “mixology in rosa” ideato nel 2015 da Fabbri 1905 per celebrare il centenario della mitica Amarena Fabbri e che da allora coinvolge e premia le signore dei cocktail.
Un progetto, quello di Fabbri, voluto proprio per incoraggiare le giovani donne a cimentarsi nel settore del beverage valorizzando la professionalità femminile e contribuendo ad abbattere alcuni tabù che ancora resistono in molti contesti lavorativi.

Le stesse Barladies in gara sono spesso protagoniste di storie di successo, di crescita personale e professionale non semplice, spesso ostacolate nel loro percorso lavorativo dalle loro stesse famiglie per pregiudizi o semplice scetticismo. 

«Come azienda – ha dichiarato Nicola Fabbri, quarta generazione della famiglia del fondatore – siamo da sempre attenti alla costruzione di opportunità professionali, con particolare sensibilità all’universo femminile. I risultati del concorso ci stanno dando ragione: c’è una grande potenzialità rosa, in tutto il mondo, che si sta sprigionando nel settore della mixology grazie a professioniste competenti e preparate che stanno portando nuova linfa, contribuendo a diffondere una cultura del bere polifonica, ma sempre attenta agli aspetti etici, alla salute e alla convivialità».

Grazie a iniziative come quella di Lady Amarena in questi ultimi anni sta emergendo, nel mondo del beverage la controparte tutta femminile del più conosciuto universo dei barman, portando così una grande ondata di innovazione e creatività al mondo delle mixology.

 

 

 

 

 

Il successo di Lady Amarena 2019: la sfida tutta al femminile per eleggere la “regina dello shaker”